Shampoo secco: utilizzo, migliori marchi e fai da te

Hair beauty routine per indaffarate, scopri i prodigi dello shampoo secco

Redazione GogoLifestyle
Redazione GogoLifestyle
21 aprile 2021 09:00
Shampoo secco: utilizzo, migliori marchi e fai da te

Già largamente utilizzato negli anni’80 come rimedio last minute, lo shampoo secco torna di diritto fra i protagonisti dell’hair beauty routine, grazie alle sue arricchite formulazioni e a una nuova vocazione ecologista.

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo: prodotto di bellezza fra i più pratici e diffusi, lo shampoo secco mette fine alla necessità di lavare la nostra chioma più volte alla settimana per averla sempre pulita e splendente facendoci risparmiare tempo, acqua ed energia. Un problem solver a dir poco provvidenziale per le donne multitasking sempre piene d’impegni e incombenze indifferibili che, strizzando l’occhio all’ambiente, si rivela anche un alleato di bellezza di grande attualità.

In questo articolo ne approfondiremo caratteristiche e vantaggi, scoprendo come fare lo shampoo a secco per capelli in casa e indagando su pro e contro degli shampoo secchi adesso in commercio i quali, differenziandosi in base alla tipologia di capello, assicurano soluzioni mirate e performance di gran lunga superiori rispetto al passato.

Cos'è lo shampoo secco e a cosa serve 

C’erano una volta i lavaggi di capelli frequenti che ci obbligavano a intervenire quasi quotidianamente sulla nostra chioma non sollevandoci da questo imperativo neanche nelle giornate più rigide e nei momenti più critici, quelli nei quali saremmo disposte a qualunque compromesso pur di non mettere la testa sotto l’acqua e sottoporci a una ritualità che per forza di cose non sempre è così piacevole e appagante.

Benvenuto shampoo secco, un rimedio semplice ed efficace in grado di farci risparmiare tempo prezioso da poter dedicare a doveri e piaceri del nostro quotidiano!

Pur senza la pretesa di essere una soluzione sostitutiva dello shampoo tradizionale, permette di distanziare i lavaggi dei capelli riducendo lo stress causato da detersioni frequenti e ripetute messe in piega. Capace di sollevarci il morale facendoci sentire ordinate e pulite anche quando siamo costrette a letto dall’influenza, lo shampoo secco per capelli si rivela una vera benedizione in caso di appuntamenti galanti “a sorpresa” e colloqui di lavoro imprevisti, trasformando i capelli lavati già da qualche giorno in una chioma splendente e voluminosa e assicurandoci uno styling definito e invidiabile in pochi minuti.

Ma come funziona lo shampoo secco?

secco

Particolarmente indicato per i capelli grassi che tendono a sporcarsi facilmente, lo shampoo secco per capelli è formato da una miscela di speciali polveri assorbenti, derivate da amido di riso, amido di mais e minerali. Un composto disponibile sia in polvere libera sia in formato spray il quale, pur non detergendo il cuoio capelluto a fondo al pari di uno shampoo tradizionale, è in grado di assorbire il sebo in eccesso, rimediando così all’aspetto pesante e “oleoso” dei capelli sporchi e facendo apparire subito la chioma più pulita.

Sempre in tema di haircare, oltre allo shampoo secco troviamo in commercio anche il balsamo secco. Da spruzzare anche questo sui capelli asciutti, a differenza del primo è un rimedio pensato semplicemente per aiutare a rinfrescare la piega senza risciacquo, eliminando il crespo senza appesantirli.

Come si usa lo shampoo secco: consigli e trucchetti 

Benché rinomato proprio per il suo semplice utilizzo, lo shampoo a secco richiede alcune accortezze nella sua applicazione, soprattutto per evitare che si renda visibile un’antiestetica patina bianca. Dopo aver pettinato i capelli e averli divisi in ciocche, è essenziale assicurarsi che il prodotto sia distribuito in maniera uniforme prima di lasciarlo in posa 10 minuti e procedere poi alla spazzolatura.

Ecco come applicare lo shampoo secco senza commettere errori:

  1. Non utilizzare una quantità eccessiva di prodotto - Contrariamente a quanto si possa pensare, applicare poco prodotto equivale a garantirsi un effetto migliore. In caso la quantità si rivelasse insufficiente, si fa sempre in tempo ad aggiungerne altro.
  2. Applicare lo shampoo a secco solo sulle radici – Poiché è necessario detergere solo il cuoio capelluto, lo shampoo secco non deve essere applicato sulla lunghezza. Fra le controindicazioni dello shampoo secco c’è infatti il rischio di appesantire i capelli e di seccarli favorendo l’effetto crespo.
  3. Occhio alla giusta distanza - Ricordatevi di non spruzzare lo shampoo secco a distanza ravvicinata, ma tenetevi sempre a circa 20 cm dalla cute.
  4. Non dimenticate il massaggio - Dopo l’applicazione, è buona norma massaggiare delicatamente il cuoio capelluto in modo da fare assorbire meglio il prodotto.

Quanto alla frequenza nell’uso dello shampoo secco, tenete presente che si tratta di un prodotto da non usare troppo spesso: frequenti applicazioni potrebbero ostruire i follicoli del cuoio capelluto o appesantire troppo il capello. L’ideale è dunque procedere a una sola applicazione fra un lavaggio e l’altro.

Dove comprare lo shampoo secco per capelli 

In vendita al supermercato come nelle farmacie e nelle profumerie, lo shampoo secco è ormai un prodotto di facile reperibilità disponibile anche sui siti degli e-commerce più frequentati per i prodotti cosmetici, come Amazon e Tigotà.

Lo shampoo secco fatto in casa: le ricette più facili 

Guarda il video su YouTube come fare lo SHAMPOO SECCO FAI DA TE! Ricetta SEMPLICISSIMA

Se preferite i rimedi naturali e vi state domandando cosa usare al posto dello shampoo secco in vendita, ecco due semplici ricette per lo shampoo secco fai da te senza profumi artificialiche potrete facilmente realizzare da soli con l’ausilio di pochi ingredienti.

Shampoo secco fai da te a base di oli essenziali

Questo shampoo secco prevede di variare l’ingrediente base secondo il colore dei capelli: 2 cucchiai in polvere di amido di mais ( o fecola di maranta)se avete capelli chiari, 2 cucchiai di polvere di cannella se li avete scuri. A questo aggiungerete poi 2 gocce di olio essenziale di lavanda e 1 goccia essenziale di menta piperita. Una volta mescolati per bene tutti gli ingredienti, diffondete il composto sulle radici e sul cuoio capelluto aiutandovi con un pennello da trucco, quindi attendete un paio di minuti e spazzolate la vostra chioma.

Shampoo secco fai da te al cacao

Unire 1 cucchiaino di polvere di cacao, 1 cucchiaino di amido di mais e 2 cucchiai di bicarbonato mescolando bene tutti gli ingredienti e versare poi il composto in un contenitore con tappo forato. L’ideale è applicare lo shampoo secco prima di vestirsi poiché la polvere caduta sugli abiti potrebbe macchiarli.

Le migliori marche di shampoo secco: pro e contro

La scelta dello shampoo secco migliore in base alle proprie esigenze oggi è senz’altro più facile di un tempo, grazie a formulazioni innovative declinate appositamente sulle caratteristiche peculiari di ogni capello. Si tratta infatti di prodotti di gran qualità che, garantendo l’impiego di ingredienti naturali e salutari, oltre a vantaggi di tipo estetico hanno anche una funzione curativa e riequilibrante.

Ecco cosa abbiamo scelto per voi:

Shampoo Secco Klorane

Disponibili in formato spray e formulati in diverse varianti in grado di soddisfare ogni esigenza del capello, gli shampoo a secco di Klorane sono fra i più professionali ed efficaci. Se quello all’ortica è pensato soprattutto per capelli grassi e molto grassi per la sua capacità di regolarizzare la produzione di sebo, quello all’avena possiede la delicatezza che si richiede per le cuti più sensibili.

Pro: ipoallergenico, quello all’ortica si adatta a qualsiasi colorazione dei capelli

Contro: la versione all’avena è adatta esclusivamente ai capelli più chiari.

Shampoo Secco Garnier

Rintracciabile un po’ ovunque, lo shampoo secco Fructis Fresh di Garnier è uno dei più economici sul mercato. Adatto a tutti i tipi di capelli, ha un delicato profumo di limone e non contiene siliconi, per un effetto delicato e purificante che li rende puliti e vaporosi.

Pro: low cost e di facile reperibilità

Contro: l’effetto poco durevole nel tempo ne fa un prodotto prettamente “emergenziale”.

Shampoo Secco Sephora Collection

Grazie alle sue proprietà purificanti e astringenti riconducibili al suo ingrediente principale, lo Shampoo Secco al Tè Verde di Sephora Collection assorbe perfettamente il sebo della cute donando ai capelli freschezza e leggerezza. Arricchito da un piacevolissimo profumo nella sua versione al Cocco, ha il pregio di non seccare eccessivamente i capelli.

Pro: la sua formula concentrata garantisce risultati eccellenti anche con quantità molto ridotte.

Contro: la polvere tende a notarsi un po’ sui capelli scuri.

Shampoo Secco Batiste

Rendendo i capelli immediatamente volumizzati e creando un deposito facilmente rimovibile con la spazzola, lo Shampoo Secco di Batiste è fra i più acclamati del web. Considerato alla stregua di un vero e proprio “pronto intervento di bellezza” regala consistenza ai capelli mantenendoli perfettamente puliti e idratati grazie alle proprietà anti sebo dell’amido di riso e all’azione antimicrobica dell’acido salicilico.

Pro: applicato nella giusta quantità in base alla lunghezza della chioma, dona ai capelli una lucentezza senza pari con un rapporto qualità/prezzo decisamente vantaggioso.

Contro: se si esagera con le dosi rischia di lasciare qualche residuo bianco fra le ciocche.

Lo shampoo secco per cani e gatti 

Non tutti sanno che lo shampoo secco per cani e gatti può rivelarsi un ottimo rimedio anche per i nostri amici a quattro zampe, visto che la maggior parte dei veterinari consiglia di non lavarli troppo spesso per non compromettere lo strato protettivo tipico della loro pelle. Alcuni detergenti appositamente pensati per gli animali, come lo Shampoo Secco per cani Beaphar all’Aloe Vera, rappresentano una soluzione di tutto rispetto per garantirgli una pulizia profonda quando non è possibile procedere alla tolettatura più classica. Esentati dall’acqua e risparmiati al rumore assordante del phon, non potranno che esservene eternamente grati anche i gatti.    

Video gallery